No alla chiusura del pronto soccorso di Frascati«Oggi è una giornata importante per i cittadini di Frascati e delle città del territorio tuscolano, ma anche per tutta la sanità pubblica. Con la sentenza depositata ieri, il Tribunale amministrativo regionale ha affermato con forza e senza dubbi la tutela del diritto alla salute sul nostro territorio. Il Tar ha infatti confermato che il pronto soccorso deve rimanere attivo nell’ospedale di Frascati e ha bocciato come immotivato, illogico e dispendioso economicamente il piano di riordino della sanità voluto dalla governatrice del Lazio e commissaria della sanità regionale, Renata Polverini».

Così Massimo Marciano, coordinatore politico comunale di Frascati di Sinistra Ecologia Libertà, commenta la sentenza con la quale il Tar del Lazio ha accolto il ricorso del Comune di Frascati contro la chiusura del pronto soccorso locale e ha, di conseguenza, annullato i relativi provvedimenti firmati dalla Polverini in merito alla riorganizzazione della rete ospedaliera regionale. Nelle motivazioni della sentenza, depositate ieri, si spiega che tali provvedimenti «non appaiono suffragati da idonea istruttoria e motivazione» e che la determinazione di chiudere il pronto soccorso di Frascati «risulta viziata da illogicità, proprio in riferimento ai vincoli derivanti dal Piano di rientro e finanziari» relativi alla sanità regionale.

«Quella rimediata dalla Polverini - continua Marciano - è una bocciatura senza precedenti ed esemplare. In sostanza il Tar evidenzia come la scelta di chiudere il pronto soccorso di Frascati, oltre a esporre al rischio la tutela della salute dei cittadini del territorio tuscolano, avrebbe portato anche allo sperpero di denaro pubblico: quello speso da poco per ristrutturare la sede frascatana e quello da spendere per creare dal nulla a Marino, come avrebbe voluto la Polverini, una nuova struttura, invece di potenziare quella esistente. E’ grave che il governo regionale del Lazio abbia tentato di fare sulla salute dei cittadini giochetti politici, solo per compiacere qualche Sindaco “amico”, che avrebbero portato allo spreco di denaro pubblico. Ed è ancora più grave in questo momento in cui, mentre si chiede ai cittadini di fare sacrifici, il centrodestra al governo della Regione Lazio “regala” i vitalizi agli assessori regionali esterni. La vittoria ottenuta al Tar, per la difesa della sanità pubblica e la tutela dei posti di lavoro del personale sanitario che con competenza opera al pronto soccorso di Frascati, è merito dell’impegno e della mobilitazione dei cittadini e dei Sindaci dei comuni tuscolani, delle forze politiche del centrosinistra di Frascati e, in particolare, del Sindaco Stefano Di Tommaso, che oltre a curare con l’Avvocatura comunale il ricorso al Tar, si è impegnato ed è stato presente in prima persona in tutte le sedi per difendere l’ospedale della nostra città».

castelliospedale.jpg

C’ è una questione di fondo alla base della vicenda che sta portando alle continue bocciature, fra Tar e Consiglio di Stato, del piano di riordino della rete sanitaria regionale varato dalla governatrice del Lazio, Renata Polverini, che prevede tra l’altro chiusure di reparti e depotenziamento di ospedali di provincia, come quello di Frascati: l’ultimo, in ordine di tempo, per il quale è arrivato lo stop all’esecuzione del piano da parte del giudice amministrativo. È una questione che si aggiunge, ma va al di là, delle due sulle quali si è più discusso finora e che sono il nucleo dell’agire politico dei governi di centrodestra, come quello della Polverini, ovvero:

1) il depotenziamento e, spesso, lo svilimento del pubblico (la sanità come la scuola, la ricerca, i servizi sociali, la Rai…) a favore del privato, ritenuto più produttivo economicamente (a favore di alcuni) e più affidabile (politicamente);

2) il seguire, per catturare il consenso elettorale, le contingenze del momento, anche a costo di sacrificare i progetti di consolidamento sul lungo periodo. È quello che è successo con l’annuncio di promesse che, si sapeva, mai si sarebbero potute mantenere nei confronti dei cittadini di Marino su faraonici progetti per il loro ospedale a danno di quello di Frascati, il tutto solo per favorire la rielezione del sindaco “amico” Adriano Palozzi, come risarcimento per la sua mancata candidatura alla Regione dopo le note vicende che hanno portato all’esclusione della lista del Pdl nella circoscrizione della provincia di Roma.

L’altra e meno evidente questione è rappresentata dalla centralizzazione dei servizi più “sensibili” per i cittadini al fine di una migliore gestione del loro senso di sicurezza per ricavarne consenso politico. Strumento essenziale di questa operazione è l’informazione dei grandi media.

Spiego questo mio assunto partendo proprio dalla sanità, servizio che incide tutt’altro che metaforicamente sulla vita delle persone.

Nell’esperienza di ognuno di noi che viviamo in provincia c’è sicuramente il ricordo di almeno una persona - parente, amico, collega, conoscente… - che per affrontare una seria patologia si è rivolto alle grandi strutture della capitale: Umberto I, Gemelli, Tor Vergata, S. Giovanni o altro grande ospedale. É evidente, infatti, che al di là dell’emergenza, le grandi strutture, gli attrezzati policlinici, sono in grado - per personale, professionalità e strumentazione - di curare adegutamente le patologie che nessuno di noi si sentirebbe di affrontare in un piccolo ospedale, anche se a due passi da casa.

Ma perché sono tutte a Roma queste grandi strutture? La salute dei cittadini lontani dalla capitale non merita altrettanta tutela?

Partendo da questa considerazione, gli ultimi governi regionali del Lazio guidati dal centrosinistra hanno avviato una politica sanitaria che, da un lato, mirava al rafforzamento di alcuni dipartimenti per l’emergenza in aree cruciali (da qui i finanziamenti destinati, ad esempio, alla ristrutturazione e all’ammodernamento del pronto soccorso di Frascati). Dall’altro lato, si è progettata la realizzazione di una grande struttura sanitaria, il cosiddetto “ospedale dei Castelli Romani”, posto in posizione baricentrica rispetto alle direttrici di traffico dell’hinterland a sud di Roma, ad Ariccia, in grado di concentrare le professionalità e le attrezzature necessarie per affrontare “in loco” le patologie per le quali non sono al momento attuale adeguatamente strutturati i piccoli ospedali cittadini dell’area di riferimento.

Non solo. La cura della salute veniva intesa non solo come lotta al momento acuto della malattia, quello che comporta il ricovero ospedaliero, ma come cura diffusa, attraverso il potenziamento di presidi e servizi, anche domiciliari, sul territorio, in grado di agire prima, dopo e anche senza il momento acuto della malattia.

Questa impostazione è stata completamente stravolta dal piano sanitario della Polverini, che non a caso sta affossando anche il progetto dell’ospedale dei Castelli. La filosofia di fondo del piano della governatrice del Lazio sta nello spostamento di risorse non solo verso la sanità privata, riprendendo così la “filosofia” dell’ex governatore laziale ed ex ministro della Salute Francesco Storace, che con i finanziamenti dirottati verso la sanità privata ha grandi responsabilità nella creazione del deficit al quale ancora oggi occorre porre rimedio. Lo spostamento di risorse è anche dalla periferia verso il centro: dai territori provinciali verso Roma. Anche a costo di rischiare il collasso di strutture sanitarie, come Tor Vergata, poste ai confini.

E qui arrivo alla questione di fondo a cui facevo cenno all’inizio.

Lo spostamento verso il centro delle risorse non riguarda solo la sanità e non è opera della sola Polverini, ma dell’intero centrodestra ad ogni livello di governo. Solo pochi giorni fa, il sindacato di polizia della Cgil denunciava la sottrazione di risorse essenziali per i commissariati di provincia, come le volanti, a favore della Questura di Roma. I giornalisti della testata regionale della Rai, da settimane, sono in agitazione contro il progetto di centralizzazione dell’informazione locale che porterebbe alla soppressione della terza edizione del Tg regione, sostituita con un nuovo appuntamento informativo che andrebbe in onda sul canale allnews, Rainews 24, togliendo a sua volta spazi a una testata giornalistica non gradita al governo, e soprattutto al suo capo, per la sua “eccessiva autonomia” dalla politica.

Questa centralizzazione di servizi essenziali ha il suo complemento nel suo esatto opposto, ovvero il progressivo trasferimento in periferia e in provincia delle situazioni più problematiche: campi nomadi (semplicemente spostati di qua e di là, ogni volta con grande risalto mediatico, ma sono sempre le stesse persone che vengono trasferite) e discariche (a quando la raccolta differenziata a pieno regime a Roma, sindaco Gianni Alemanno?) in primo luogo.

La questione di fondo, quindi, sta proprio qui. Il centrodestra sta concentrando le risorse nelle gradi aree urbane, depotenziando periferie e provincia, per poter presentare all’opinione pubblica, attraverso un’informazione anch’essa centralizzata e rivolta unicamente a esaltare il “salotto buono”, una realtà “percepita” e non concreta. Lasciando fuori dall’attenzione della politica e dei media le altre comunità. Ne è un ulteriore esempio la “macelleria” degli Enti locali, e dei servizi essenziali che a loro compete assicurare ai cittadini, operata con le recenti manovre economiche del governo (a proposito: la legge per Roma Capitale permette al bilancio capitolino delle “libertà” che a quelli degli altri Comuni non sono concesse).

Da ciò deriva che ogni ipotesi di alternativa deve partire dalla considerazione che la dimensione locale, lungi dall’essere interpretata in funzione di una chiusura campanilistica come è invece vista dalla Lega, è la chiave di volta di un rafforzato rapporto della politica con i cittadini. E il ruolo dell’informazione locale, a livello regionale, cittadino o di quartiere, è strumento essenziale perché i cittadini possano, ad ogni livello, operare consapevoli scelte nell’esercizio della sovranità popolare sancita dalla Costituzione.

Massimo Marciano

Sel Frascati: «Stop al piano Polverini, il Tar dà ragione alla mobilitazione contro la chiusura del pronto soccorso»

Il circolo di Sinistra e Libertà di Frascati commenta la sentenza del Tar che ha bloccato la chiusura del pronto soccorso dell’ospedale San Sebastiano

Leggi la notizia

Scarica l’articolo

Roma Today

Sel Frascati: «Stop al piano Polverini, il Tar dà ragione alla mobilitazione contro la chiusura del pronto soccorso»

Leggi la notizia

Scarica l’articolo

Il giornale del Lazio


Sel Frascati: «Stop al piano Polverini»

Il Tar dà ragione alla mobilitazione contro la chiusura del pronto soccorso

Scarica il file dell’articolo

No alla chiusura del pronto soccorso di FrascatiUn atto di giustizia a difesa della sanità pubblica e a tutela dei cittadini, che premia lo sforzo di mobilitazione di persone, lavoratori e amministratori comunali. È questa la considerazione con la quale il coordinamento comunale di Frascati di Sinistra Ecologia Libertà accoglie con soddisfazione la decisione del Tribunale amministrativo regionale di sospendere il decreto con il quale la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, aveva disposto la chiusura del pronto soccorso dell’ospedale di Frascati e il trasferimento di 63 posti letto.

Il Tar riconosce così la validità delle contestazioni rivolte al piano sanitario predisposto dalla Polverini che, se reso efficace, avrebbe fortemente depotenziato la sanità pubblica in un ospedale strategico per la comunità locale e avrebbe costretto decine di migliaia di utenti ad affollarsi e congestionare il vicino policlinico di Tor Vergata, paralizzando di fatto un servizio pubblico di primaria importanza.

Sinistra Ecologia Libertà di Frascati ritiene che questa importante decisione della giustizia amministrativa sia stata possibile grazie alla straordinaria mobilitazione di forze sociali, cittadini, lavoratori della sanità e amministratori locali, con in prima fila il sindaco Stefano Di Tommaso, che ha profuso un grande impegno personale.


Pieno sostegno alle decisioni dalla Giunta Di Tommaso

SanitàLe forze politiche del centrosinistra di Frascati prendono atto con soddisfazione della decisione del Pdl locale di aderire alle mobilitazioni già in atto da mesi - per iniziativa di partiti, cittadini e operatori sanitari - per la difesa dell’ospedale cittadino, contro gli scriteriati tagli alla sanità pubblica decisi dalla governatrice del Lazio, Renata Polverini.

L’ospedale di Frascati è un importante presidio territoriale per un bacino di utenza di 80 mila abitanti, il cui pronto soccorso opera ben 34 mila interventi l’anno e non può essere soppresso, come invece vorrebbe la Polverini. Manifestando finalmente a difesa dei lavoratori della sanità pubblica e dei cittadini, oggi i rappresentanti del Pdl dimostrano di voler finalmente mettere da parte la propaganda politica e di aderire alle iniziative di mobilitazione decise da mesi dal Consiglio comunale di Frascati.

Coerentemente con quella decisione, il Sindaco Stefano Di Tommaso, sostenuto dalle forze politiche e dai consiglieri comunali del centrosinistra, ha presentato un ricorso contro il piano della Polverini, che intenderebbe chiudere il pronto soccorso di Frascati, moderno e recentemente ristrutturato spendendo oltre un milione di euro di soli pubblici.

Il centrosinistra di Frascati chiede anche alla Polverini di dire parole certe sulle prospettive di rinnovo del contratto di lavoro dei tanti precari che assicurano il funzionamento della sanità pubblica e rendono efficiente l’ospedale di Frascati.

Il Pdl oggi ha finalmente rotto gli indugi e si unisce alla battaglia contro il piano Polverini. Le forze politiche del centrosinistra, che fin dal primo momento hanno portato la mobilitazione dei frascatani sotto le finestre degli uffici della governatrice del Lazio partecipando a una grande manifestazione di tutti i Sindaci del territorio, confidano che da oggi la battaglia per la difesa della sanità pubblica possa vedere uniti tutti i partiti al fianco dei cittadini, degli operatori sanitari e della Giunta Di Tommaso.


Nota del Sindaco Stefano Di Tommaso a seguito dell’inaugurazione dei lavori del “San Giuseppe” di Marino

pronto_soccorso11.jpgSono stupito delle dichiarazioni pronunciate ieri, mercoledì 30 marzo, dalla Presidente della Giunta Regionale Renata Polverini, in occasione dell’inaugurazione del cantiere per i lavori di ristrutturazione del Pronto Soccorso dell’Ospedale San Giuseppe di Marino. Quelle della Governatrice sono affermazioni che dimostrano e confermano la non piena conoscenza della reale situazione della sanità ai Castelli Romani e l’importante ruolo strategico (anche per la presenza di una vasta area di ricerca con circa 3.000 scienziati - Cnr, Infn, Enea, Esa Esrin -, della Banca d’Italia con 1.600 addetti, della consolare Tuscolana e della vicina autostrada Roma-Napoli) che il San Sebastiano di Frascati riveste per un comprensorio che, oltre ai sette comuni tuscolani (80.000 abitanti) con il suo Pronto Soccorso è una struttura di riferimento anche per i municipi di Roma Sud VII – VIII e X (10.000 accessi sui 34.000 complessivi) che andrebbero automaticamente a ricadere sul D.E.A. di “Tor Vergata” già al collasso.

Credo che la Presidente Polverini sia anche mal consigliata da qualcuno quando afferma – come riportato oggi dal quotidiano Il Messaggero, che “La riorganizzazione decisa per gli ospedali dei Castelli non prevede il mantenimento del Pronto Soccorso a Frascati e la scelta del trasferimento a Marino è motivata dal fatto che la struttura è più baricentrica e più grande e funzionale”. Baricentrica rispetto a cosa? Ci si dimentica che vicino ci sono gli ospedali di Albano e Genzano. Grande? Neanche per sogno, perché ha capacità ricettive minori.

Perché non ha chiesto informazioni al senatore Domenico Gramazio, che in passato è stato artefice, insieme all’ex consigliere regionale Tommaso Luzzi, di ripetute “difese” del San Sebastiano per timore di un possibile ridimensionamento? Forse, i due autorevoli esponenti politici sono caduti sulla Via di Damasco come Paolo di Tarso e, paradossalmente, dopo una serie di importanti interventi di riqualificazione, ritengono oggi che il San Sebastiano sia una struttura non più funzionale? Mi chiedo: la difesa di un ospedale e del suo ruolo dipende dal rispetto del diritto alla salute dei cittadini o da qualcos’altro?

Nulla osta a che la Città di Marino possa avere un presidio di Pronto Soccorso - lo ribadisco ancora una volta - ma non si possono accettare motivazioni come quelle espresse dalla Presidente e, in aggiunta quelle del Direttore Sanitario Michele Di Paolo, che sullo stesso quotidiano ha precisato che “Il nosocomio di Marino è a norma, a differenza di altre strutture e nel pronto soccorso si prevedono 40 mila accessi annui”. Anche questa è un’affermazione che non trova fondamento! Infatti, a me risulterebbe che la Direzione Aziendale della Asl Roma H, con parere del Direttore Sanitario del Polo Ospedaliero Frascati-Marino, e cioè dello stesso Dott. Di Paolo, abbia inviato alla Regione Lazio una nota nella quale si dice che il Pronto Soccorso di Marino non può assorbire l’intero fabbisogno delle prestazioni in urgenza del bacino di utenza del Polo H1. Mi chiedo allora: ma c’è una logica, una razionalità, in tutta questa “pseudoriorganizzazione”?

E, oltretutto, come si fa a parlare – come sottolineato dal Sindaco di Marino Adriano Palozzi - della “esigenza di una progettazione che prevedesse ben 18 posti letto a fronte dei due del precedente”? Il Pronto Soccorso non ha posti letto per legge! Al massimo, dati gli spazi, si potranno prevedere 4 o 6 posti nella cosiddetta “breve osservazione”.

Perché la Polverini non ha voluto mai dar vita ad un produttivo confronto con le realtà amministrative del territorio? Mi preme sottolineare che, ancora oggi, le tre lettere a firma dei Sindaci - bipartisan - del territorio, inviate alla Presidente, che hanno rivendicato con cognizioni e motivazioni tecniche il mantenimento del ruolo del San Sebastiano, non hanno trovato ancora risposta, né siamo stati convocati, tanto che come Comune di Frascati abbiamo promosso un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica avverso il Decreto n. 80 del 30 settembre 2010 con il quale è stata prevista la chiusura del Pronto Soccorso dell’Ospedale “San Sebastiano” di Frascati e il trasferimento dei reparti ad esso strettamente collegati a Marino.

Tutto ciò è stato deciso con provvedimenti a dir poco “contraddittori”: basti pensare che, il giorno 29 settembre 2010 con il decreto n. 73 veniva approvata la Rete dell’emergenza nella Regione Lazio. Sempre lo stesso giorno con Decreto n. 74 veniva approvata la Rete dell’assistenza cardiologica e cardiochirurgica. Anche in tale rete l’Ospedale San Sebastiano risulta essere SPOKE di I livello (Struttura sede di P.S.), e - colpo di scena - a solo 24 ore di distanza il Commissario ad Acta Polverini, con Decreto n. 80 del 30 settembre 2010, disponeva, senza motivazione alcuna ed in contrasto con quanto approvato fino al giorno prima, la chiusura del P.S. dell’Ospedale San Sebastiano Martire di Frascati aggiungendo semplicemente una nota nella scheda dell’Ospedale San Sebastiano riportata nell’allegato D del Decreto n. 80, entro il 31 dicembre 2011. Guarda caso dopo le elezioni comunali di maggio!

La scelta di chiudere il P.S. dell’Ospedale di Frascati si scontra con i risultati dello studio approfondito effettuato da Laziosanità ASP – nel cui Consiglio di Amministrazione siede il senatore Gramazio - per la razionalizzazione e l’ottimizzazione della rete dell’emergenza sanitaria presente sul territorio regionale e posto a base della Rete dell’Emergenza di cui al Decreto n. 73/2010. Nella suddetta riorganizzazione l’Ospedale San Sebastiano Martire di Frascati risulta far parte della Rete di emergenza e fornito di Pronto Soccorso (Cfr. pag. 31 Decreto n. 73/2010) mentre l’Ospedale di Marino non risulta far parte della suddetta rete.

Il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Frascati ha sempre offerto una risposta sanitaria adeguata, con efficienza e professionalità, come risulta dallo studio effettuato dalla Laziosanità ASP e posto a base della riorganizzazione della Rete di Emergenza approvata con Decreto 73/2010.

E ancora. Lo Studio di fattibilità relativo al trasferimento del Pronto Soccorso dall’Ospedale di Frascati all’Ospedale di Marino evidenzia la richiesta dell’Azienda Usl Roma H alla Regione Lazio di un finanziamento straordinario che ammonta a circa 600.000,00 Euro per le attività a breve termine e circa 3.000.000,00 Euro per le attività a medio termine. La richiesta del suddetto finanziamento conferma le perplessità manifestate anche dagli altri Sindaci dei Comuni del Distretto RM H1 (Colonna, Grottaferrata, Monte Compatri, Monte Porzio Catone, Rocca di Papa e Rocca Priora), il parere contrario del Consiglio Comunale di Frascati, espresso con voto unanime da tutte le forze politiche - e quindi anche dal centrodestra - nella seduta dello scorso 11 ottobre, a cui i suddetti sindaci hanno partecipato. Affrontare un impegno economico così elevato, dopo aver speso oltre 1.000.000,00 Euro per i recenti interventi di ristrutturazione del Pronto Soccorso di Frascati, inaugurato poco più di un anno fa, compresi i cablaggi, le opere accessorie e la piazzola per le ambulanze, appare un vero e proprio controsenso.

Profonde perplessità destano a tale proposito le affermazioni riportate dal quotidiano Cinque giorni, dove la Polverini afferma che “Purtroppo per gli abitanti di Frascati è stato speso oltre un milione di Euro per ristrutturazioni in un ospedale che già non aveva più la qualifica di ospedale”. Voglio sottolineare che mai nessuna presa di posizione in tal senso è stata assunta da parte dell’Azienda Sanitaria Locale RM H né dalla Regione Lazio in questo anno di governo.

Occorre poi ricordare che negli ultimi 6 anni presso il San Sebastiano sono stati realizzati i seguenti interventi: Parcheggio via Fermi; Reparto di Chirurgia (I Pad); restauro Ortopedia (I Pad.); Camere operatorie (Quadro elettrico e Cabina di trasformazione); U.T.I.C.: attrezzature (II Pad.); Laboratorio di analisi di urgenza (I Pad.); Centro trasfusionale (II Pad.); Posta pneumatica per referti biologici; Manutenzione ordinaria a tutti i Padiglioni (tinteggiature, ammodernamento bagni, scale, ecc.); Cucina (I Pad.); Cabina elettrica e nuovo quadro 220V; SPDC: vetri, uscite emergenza, tinteggiature (III Pad.); Urologia: ristrutturazione Reparto e manutenzione Ordinaria (V Pad.); Direzione Sanitaria: manutenzione Ordinaria, cunicoli al P.C. (IV Pad.); Pronto soccorso (I Pad.); Centro informazione e accoglienza. E inoltre, è stata realizzata una piazzola per la sosta delle ambulanze, inaugurata dalla stessa Presidente Polverini insieme ad autorevoli esponenti del PDL locale il 24 settembre 2010 e quindi 6 giorni prima del Decreto n. 80…!!!!!!.

Vorrei poi ricordare che durante la Presidenza Storace della Regione Lazio (2000-2005) non sono stati utilizzati ben 4 milioni e 906 mila euro (ex Art. 20) dai tre Direttori Generali della Asl Roma H da lui nominati e, ironia della sorte, sono stati definanziati dallo stesso Storace, diventato Ministro della Salute.

Per la cronaca si sottolinea che dal 29 gennaio 2001 al 1 gennaio 2004 direttore aziendale sanitario della ASL RM H è stato l’attuale Direttore Sanitario dell’Ospedale di Frascati.

>Confermo la convinzione che un adeguato livello di assistenza nell’area dei Castelli Romani possa essere conseguito solo attraverso una valorizzazione di tutte le strutture esistenti, ovviamente con le articolazioni di funzioni che un’avveduta programmazione sanitaria deve necessariamente prevedere e ribadisco che continuerò a battermi con forza in ogni istanza per impedire il trasferimento del Pronto Soccorso da Frascati e il depotenziamento del San Sebastiano, insieme ai miei colleghi sindaci del Distretto H1 e ai cittadini del territorio tuscolano.

 

Fonte: comunicato dell’ufficio stampa del Comune di Frascati

Bad Behavior has blocked 65 access attempts in the last 7 days.

Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok