Il 30 settembre 2009 scade il termine per presentare la richiesta per ricevere il reddito minimo garantito e il gruppo di lavoro sulle politiche del lavoro di Frascati a Sinistra ha deciso di dare informazioni in merito a tutti coloro a cui può interessare.

Il reddito minimo garantito è stato istituito con la legge regionale n. 4/2009, su proposta della Giunta regionale di centro-sinistra del Lazio. E’ un provvedimento che, in questo momento di forte crisi, vuole dare un sostegno concreto a disoccupati, inoccupati e precari (ben diverso dall’elemosina della Social Card, che non basta nemmeno per un cappuccino al giorno…).

Commentando l’approvazione della legge, l’assessore al lavoro, alle pari opportunità e politiche giovanili della Regione Lazio, Alessandra Tibaldi, ha detto: “La Regione Lazio inaugura una nuova stagione di diritti sociali: prende il via la prima sperimentazione italiana del reddito minimo garantito. Una misura contro la crisi che innova il sistema del welfare e ci avvicina al resto d’Europa”.

I requisiti per accedere al Reddito minimo garantito per il 2009 sono:

- età compresa tra i 30 e i 44 anni compiuti (la richiesta si può inoltrare fino al giorno del compimento del 45esimo anno di età);

- essere iscritti al Centro per l’impiego come inoccupati o disoccupati/precariamente occupati; lo stato di disoccupazione si mantiene anche quando si è occupati, con lavoro dipendente o autonomo, ma si percepisce un reddito annuo inferiore a 8000 euro;

- essere residenti da almeno 24 mesi nella Regione Lazio;

- avere un reddito personale imponibile non superiore a 8.000 euro nell’anno precedente a quello della domanda;

- non avere maturato i requisiti per il trattamento pensionistico.

I modelli di richiesta del reddito minimo garantito si possono reperire nel Comune capofila del Distretto socio-sanitario cui appartiene il Comune di residenza di chi lo richiede (nel caso di Frascati, il Comune capofila è Monte Porzio Catone) e negli uffici delle Poste Italiane del Lazio.

A Frascati, il modello di richiesta si può trovare anche all’URP (ufficio comunale di piazza Marconi, piano terra, prima porta a sinistra) o alla Camera del Lavoro della CGIL (via di Villa Borghese).

Chi risiede nel Comune di Roma, può trovare il modello anche nel Municipio di appartenenza.

Una volta compilata la domanda, questa andrà consegnata, direttamente a mano o per raccomandata con ricevuta di ritorno, al Comune capofila del Distretto socio-sanitario (come è stato detto prima, per i residenti di Frascati è Monte Porzio Catone). I residenti a Roma possono consegnarla al Municipio di appartenenza.

Le domande devono essere consegnate o spedite dal 1° al 30 settembre 2009.

Ora veniamo allo specifico della parte economica. Il contributo economico erogato arriverà fino a 7.000 euro l’anno, pari a 583 euro mensili. Tutto ciò in considerazione della situazione economica del beneficiario. Verrà dato di più a chi più ne ha bisogno.

Infatti, per i precari, il contributo sarà proporzionato in base al reddito percepito nell’anno in corso (es. se si sono percepiti 5.000 euro, il contributo sarà di 2.000 euro).

Fatte le graduatorie e le opportune verifiche, una volta individuati i beneficiari, l’erogazione del reddito per l’anno 2009 partirà dal 5 novembre, durerà un anno ed avverrà ogni mese attraverso le Poste Italiane.

Le graduatorie saranno rese pubbliche e in ogni caso, le indicazioni della Regione Lazio sono che i Centri per l’impiego contattino direttamente i possibili beneficiari e facciano ulteriori verifiche. Se queste vanno a buon fine, verrà stipulato un patto di servizio tra il Centro per l’impiego e il beneficiario del reddito minimo garantito: egli riceverà il contributo, impegnandosi però ad accettare un eventuale lavoro propostogli.

L’art. 7 del Regolamento regionale n. 9 del 2009 disciplina la decadenza e la sospensione del reddito minimo garantito.

Dal sito della Regione Lazio è emerso che a poco più di due settimane dall’apertura dei termini per l’invio delle domande per l’accesso al reddito minimo garantito, le domande hanno già superato quota diecimila:

http://www.portalavoro.regione.lazio.it/portalavoro/news/?id=Reddito-minimo-garantito–Tibaldi—Gi%E0-oltre-10mila-domande-presentate-_183&a=0

Ringraziamo la Regione Lazio, il Circolo di Sinistra e Libertà di Ardea che giovedì 17 scorso ci ha ospitate per un’iniziativa pubblica di informazione sul reddito minimo garantito, l’assessore Alessandra Tibaldi e il collaboratore dell’assessore Tibaldi che ha risposto in maniera esauriente a tutti i dubbi e le domande.

Questa legge dimostra che quando la Sinistra è al governo, non ci sono chiacchiere e ci auguriamo che la maggioranza di centrosinistra alla Regione Lazio venga riconfermata, affinché non si torni indietro.

Marlene Molino

Gigliola Merusi

Gruppo di lavoro “Politiche del lavoro”

Frascati a Sinistra